LE CANTINE

Nuove tecnologie affiancano la tradizione

Negli anni, sia nei vigneti che nelle cantine di vinificazione e affinamento sono state apportate delle migliorie, permettendo alle nuove tecnologie di affiancare la tradizione.
Rossi strutturati e armonici, come l’Amarone e il Recioto della Valpolicella,  frutto di un’attenta selezione di uve in vigneto, sono messi a maturare in piccole botti di rovere nelle antiche cantine sotterranee di Illasi e Colognola ai Colli.

Anche una parte di vino bianco viene messa ad affinare in tonneaux per ottenere vini importanti come il Soave Superiore Riserva Docg, il Recioto di Soave Alesium o l’originalissimo Tanbè Bianco.

Con l’incontro tra quattro generazioni di tradizione enologica e la visione brillante e creativa dell’enologo Luigi Andreoli, hanno preso vita i vini di Villa Canestrari.

Frutto di un’ispirata interpretazione personale, i nostri vini sono particolari e caratteristici pur conservando al loro interno tipicità e tradizione.

La cantina di Colognola ai Colli di Villa Canestrari