APPASSIMENTO

Una tecnica antica

L’antica tecnica dell’  appassimento, nota prima ancora degli antichi Romani, (il Rhetico era prodotto dagli Arusnati, popolo Etrusco) è un metodo peculiare della Valpolicella ed è fondamentale per la produzione dei vini tipici della zona come l’ Amarone o il Recioto della Valpolicella.

Questa pratica consente all’ uva di disidratarsi e di raggiungere un’ alta concentrazione  zuccherina e, nel contempo, importanti funzioni bio fisiche producono variazioni all’interno degli acini che poi conferiscono tutti gli odori e i profumi tipici e unici di questi vini.

Appassimento: dal vigneto al fruttaio

Il procedimento comincia in vigneto, con il personale specializzato che riconosce, seleziona e raccoglie i grappoli più spargoli, privi di imperfezioni, e li ripone in piccole cassette successivamente sistemate nel fruttaio.

Questo ambiente , dove umidità e temperatura vengono costantemente controllate, custodisce i grappoli per circa 100-120 giorni, fino alla pigiatura e al successivo affinamento in botte, che completa il ciclo e trasforma i grappoli in vini di grande interesse come l’ Amarone e il Recioto.

fruttaio

gruppo caestreri
VILLA CANESTRARI
PUNTO VENDITA
MUSEO DEL VINO

TENUTA CASALETTI